Bonus infissi 2021: passa agli infissi in PVC con Base 2 Serramenti

base2 bonus ecobonus 2019
base2 bonus ecobonus 2019 mobile

Bonus infissi 2021: il titolo edilizio per la sostituzione

Qui il discorso si complica un po' ma per capirlo è semplicemente necessario suddividere due casistiche diverse:

  1. la sostituzione degli infissi avviene senza innovazioni - in questo caso materiali, dimensioni e componenti vetrate non devono cambiare rispetto alle precedenti;
  2. la sostituzione degli infissi avviene con innovazioni - vengono cambiati materiali, dimensioni o componenti vetrate.

Bonus infissi 2021: la sostituzione senza innovazioni

Nel primo caso l'intervento va in edilizia libera, non sono quindi necessarie pratiche edilizie. Rientra, infatti, tra gli interventi di manutenzione ordinaria (art. 3, comma 1, lettera a) del DPR n. 380/2001) per i quali il Glossario dell'edilizia libera allegato al DM 2 marzo 2018 prevede che si può andare in edilizia libera, quindi senza la presentazione di alcun titolo abilitativo o comunicazione.

Ma, attenzione.

L'art. 16-bis del TUIR prevede il bonus (oggi e fino al 31 dicembre 2021 al 50%) per le ristrutturazioni edilizie, suddividendo i casi in cui si intervene nelle parti comuni o nelle unità immobiliari. In quest'ultimo caso, accedono al bonus infissi del 50% solo gli interventi di:

  • manutenzione straordinaria (art. 3, comma 1 lettera b) del Testo Unico Edilizia);
  • restauro e di risanamento conservativo (art. 3, comma 1 lettera c) del Testo Unico Edilizia);
  • ristrutturazione edilizia (art. 3, comma 1 lettera c) del Testo Unico Edilizia).

Nel caso, quindi, si proceda alla sostituzione degli infissi come manutenzione ordinaria e quindi senza alcun titolo abilitativo o comunicazione, certamente non si può fruire per il bonus del 50% previsto dall’art. 16-bis del DPR n. 917/1986 (c.d. TUIR).

Vediamo, adesso, cosa dice l'art. 14 del D.L. n. 63/2013. Qui il discorso si complica ulteriormente.

L'art. 14 del D.L. n. 63/2013 fa riferimento alle disposizioni di cui all'articolo 1, comma 48, della legge 13 dicembre 2010, n. 220, che a loro volta si riferiscono all'articolo 1, commi da 344 a 347, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. In questo caso, come previsto dal comma 345, occorre fare attenzione a:

  • i valori di trasmittanza termica iniziali (Uw) che devono essere superiori ai valori limite riportati in tabella 1 dell’Allegato E del D.M. 6 agosto 2020, per interventi con data di inizio lavori a partire dal 6 ottobre 2020;
  • i valori di trasmittanza termica finali (Uw) che fermo restando il rispetto del decreto 26 giugno 2015 “requisiti minimi”, devono essere:
    • inferiori o uguali anche ai valori limite riportati nella tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010, per interventi con data di inizio lavori antecedente al 6 ottobre 2020;
    • inferiori o uguali ai valori limite riportati nella Tabella 1 dell’Allegato E al D.M. 6 agosto 2020, per interventi con data di inizio lavori a partire dal 6 ottobre 2020.

In questo caso occorre fare molta attenzione anche:

  • a quello che si indica nel bonifico parlante che dovrà indicare come riferimento l'art. 14 del D.L. n. 63/2013;
  • alla scheda descrittiva dell’intervento da inviare all'Enea entro 90 giorni dalla fine dei lavori;
  • l'asseverazione di un tecnico abilitato, attestante il rispetto dei requisiti tecnici specifici e, in particolare, i valori di trasmittanza termica dei nuovi infissi installati e di quelli sostituiti.

Bonus infissi 2021: la sostituzione con innovazioni

Nel caso in cui la sostituzione degli infissi avviene con innovazioni e, quindi, vengono sostituiti materiali, dimensioni o componenti vetrate, la situazione si semplifica da una parte e si complica dall'altra.

Nel caso di innovazioni, non si può parlare più manutenzione ordinaria ma si passerà alla manutenzione straordinaria. In questo caso, per potere intervenire è necessaria la Comunicazione d'Inizio Lavori Asseverata (C.I.L.A.) a firma di un tecnico abilitato e si potrà accedere alla detrazione fiscale del 50% alternativamente:

  • sia come bonus ristrutturazione di cui all'art. 16-bis del DPR n. 917/1986 (c.d. TUIR);
  • sia come ecobonus di cui all'art. 14 del D.L. n. 63/2013.

In realtà cambia poco. Ciò che cambia è se si ha miglioramento energetico o no.

Nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia o riqualificazione energetica, la norma prevede che se si ha un miglioramento energetico, è necessario inviare una comunicazione ad Enea entro 90 giorni dal fine lavori.

Bonus infissi 2021:

passa agli infissi in PVC con Base 2 Serramenti

Anche per il 2021 è stato confermato il bonus infissi per i proprietari di case e altri immobili. Si tratta di un'agevolazione fiscale che permette di ottenere una detrazione per le spese sostenute nella sostituzione degli infissi e che può rientrare, a seconda dei casi, tra gli interventi volti al risparmio energetico o alla semplice ristrutturazione dell'immobile.

Il bonus infissi può essere richiesto da proprietari o nudi proprietari di un immobile, locatari, comodatari, il familiare convivente, chiunque abbia un diritto di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie).

Richiedi un preventivo

Bonus infissi 2021 con Base 2 Serramenti

L’acquisto e l’installazione degli infissi in PVC dà diritto a godere del Bonus Infissi 2021. È il momento di approfittare dell'esperienza e della competenza di Base 2 Serramenti nel campo della fornitura e montaggio di serramenti e, in particolare, proprio degli infissi in PVC, per migliorare le prestazioni energetiche della tua casa.

Grazie a Nikita, il nostro produttore di infissi, possiamo fare la CESSIONE DEL CREDITO o lo SCONTO IN FATTURA del 50%.

Da noi puoi trovare modelli per ogni tipologia abitativa, prodotti dai migliori marchi del made in Italy per la casa, assemblati secondo le tecnologie più recenti e garantiti dalla nostra esperienza di oltre 30 anni.

La sostituzione degli infissi con più moderni modelli in PVC porta diversi vantaggi:

  • Maggiore isolamento per la tua casa;
  • Ambiente più caldo, confortevole e salutare;
  • Notevole risparmio in bolletta;
  • Possibilità di accedere alla detrazione per il risparmio energetico del 50% per l’acquisto e la posa in opera di finestre con infissi su una singola unità.

Chi può richiedere il bonus infissi?

Il bonus infissi può rientrare fra gli interventi di riqualificazione energetica delle abitazioni e dei condomini, e può essere richiesto da tutti i contribuenti, residenti o non residenti, lavoratori e titolari di reddito di impresa, proprietari di un immobile nel quale vengono sostituiti infissi e serramenti come interventi di riqualificazione energetica, scegliendo modelli più performanti dal punto di vista dell’isolamento.

In particolare, possono usufruire del Bonus Infissi 2021:

  • proprietari o nudi proprietari
  • locatari
  • comodatari
  • il familiare convivente
  • chiunque abbia un diritto di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie).

Quali documenti occorrono per richiedere il bonus infissi?

Per godere del Bonus Infissi 2021 il contribuente deve:

  • inviare, tramite raccomandata AR, la comunicazione di inizio lavori all'ASL (ove necessaria)

  • pagare le spese agevolabili tramite bonus mediante bonifico parlante o bonifico online bancario o postale. Da esso devono risultare la causale del versamento (che serve anche ad applicare la ritenuta fiscale dell’8% prevista per legge), il codice fiscale del beneficiario e del destinatario del pagamento, ecc.

Successivamente, per dichiararla si dovrà indicare nella dichiarazione dei redditi:

  • i dati catastali dell’immobile
  • estremi di registrazione dell’atto di acquisto in caso di proprietà o di altri dati richiesti per il controllo della detrazione

Occorre inoltre conservare i seguenti documenti per almeno 10 anni:

  • concessioni, autorizzazioni o comunicazioni di inizio lavori
  • domanda di accatastamento nel caso in cui l’immobile non sia ancora censito
  • ricevute IMU qualora dovuta
  • delibera condominiale se le spese riguardano le parti comuni di edifici residenziali
  • dichiarazione di consenso all'esecuzione dei lavori (se i lavori non sono eseguiti dal proprietario)

Se i lavori non sono eseguiti dal proprietario:

  • dichiarazione di consenso all'esecuzione dei lavori
  • comunicazione data di inizio lavori all'ASL (dove obbligatoria)
  • fatture e ricevute attestanti le spese
  • ricevute dei bonifici di pagamento

Entro 90 giorni dal termine dei lavori per i quali si richiede il bonus infissi, è obbligatorio inviare comunicazione all'Enea.

Modalità di pagamento

Se non sei titolare di reddito d’impresa, dovrai pagare tramite bonifico parlante, indicando nella causale:

  • la causale del versamento (legge 296/06 e successive modifiche, risparmio energetico);
  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione;
  • il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale si sta effettuando il pagamento.

Se sei titolare di reddito d’impresa, non hai l’obbligo del bonifico parlante, ma dovrai conservare tutta la documentazione per provare le spese che hai sostenuto.


Scopri tutte le nostre soluzioni per Infissi

Perché sceglierci per Bonus infissi 2021: passa agli infissi in PVC con Base 2 Serramenti?

Assortimento e rapidità

Grazie al nostro magazzino con migliaia di infissi pronta consegna riusciamo a garantire l'alta qualità artigianale a prezzi di fabbrica!

Prezzi e promozioni

Proponiamo ciclicamente promozioni sui nostri prodotti, così puoi unire il risparmio fiscale a ulteriori sconti riservati ai nostri clienti!

Un servizio su misura

Il nostro punto di forza è incontrare le esigenze di ogni cliente e consigliare il prodotto più adatto a ogni soluzione abitativa.

Dichiaro di aver preso visione della privacy presente nel sito

loading

Hai bisogno di qualcosa di specifico?
Noi possiamo realizzarlo!

I nostri esperti sono a tua disposizione per valutare con te la soluzione migliore.

Chiamaci allo 059 21 88 69
Richiedi un preventivo